“Questo pomeriggio sono intervenuto alla Camera per la dichiarazione sul voto di fiducia al nuovo Governo Lega-M5S.
Sono intervenuto al termine di un’ora in cui il prof. Giuseppe Conte è stato in grado di fare solo un lungo elenco di parole vuote e di trattare i deputati come scolaretti.
Sono intervenuto dopo averlo sentito pronunciare una frase imbarazzante dopo l’altra: ci ha detto che abbiamo tutti un conflitto di interessi, che “gli onesti non hanno nulla da temere”, che “il Governo rispetterà la Costituzione”, fino ad arrivare a sentire che era addolorato per gli attacchi al “congiunto” del Presidente Mattarella – ed è servito Graziano Delrio a urlare dai banchi dell’opposizione “Piersanti! Si chiamava Piersanti!”.”Alessandro Fusacchia, Segretario di Movimenta.